Fratelli Bianchi Cosa Hanno Fatto

Spread the love

Fratelli Bianchi Cosa Hanno Fatto:- È il giudizio a cui sono giunti il ​​Cort e l’Assise di Frosinuno, dove di recente è stata comminata la punizione per l’omicidio di Willy Monteiro Duarte.Questo è il risultato che speravamo in relazione all’opera ultimata, ma siamo consapevoli che il giudizio apre le porte a variabili, e il fatto in questione aveva contesto e sfumature che potevano portare a un giudizio diverso.

Fratelli Bianchi Cosa Hanno Fatto
Fratelli Bianchi Cosa Hanno Fatto

Tuttavia, questo è il risultato che ci si augurava in relazione all’opera che si è conclusa. raggiungendo verso l’altoAl termine dell’udienza, il pm Giovanni Taglialatela, ha detto all’Adnkronos che le prove fornite erano, a loro avviso, più che sufficienti e più che sufficienti per chiedere ciò che avevano chiesto.

una formulazione linguistica che “rivela un valore etico fondamentale”. Quando c’è un abuso, non ci può essere una dichiarazione di vittoria. Ho grandi aspettative che la decisione presa dai giudici si rivelerà istruttiva per tutti quei giovani che continuano a tenere comportamenti violenti. Di conseguenza, il legale rappresentante
Durante la lettura del dispositivo, Domenico Marzi, che rappresenta la famiglia Duarte, ha fornito il suo pensiero sulla punizione inflitta ai quattro imputati, tra cui rispettivamente la madre e la sorella di Willy, Lucia e Milena. Tuttavia, i quattro imputati hanno scelto di non fornire commenti o fare dichiarazioni proprie, quindi i pensieri di Domenico Marzi sono gli unici ad essere stati resi pubblici.

Il padre di Willy, Armando, insieme ai suoi avvocati Vincenzo Galassi e Domenico Marzi, hanno offerto le loro opinioni sulla condanna. Willy era presente alla loro discussione. La giuria ha ritenuto Artena colpevole di tutte e quattro le accuse contro di lui.

“Una sentenza ineccepibile, in linea con le conclusioni del pm – hanno affermato i due avvocati – che legge le pagine del tribunale con assoluto rigore e anche un riconoscimento di qualità per quanto riguarda l’iniziale attività investigativa della polizia”, ​​ha affermato.

“Una sentenza ineccepibile, in linea con le conclusioni del pm – hanno affermato i due avvocati – che legge le pagine del tribunale con assoluto rigore”.”Una sentenza indiscussa e in linea con quanto ha riscontrato il pm, che legge con la massima serietà ogni pagina del tribunale”.

I pm, Francesco Brando e Giovanni Taglialatela, sostengono che il pestaggio del giovane sia stato la conseguenza di un “impulso violento” che è stato portato avanti da mani esperte. Dicono che fosse così. Colleferro è una città in provincia di Roma, e l’assalto è avvenuto davanti a un ristorante lì. L’età della vittima era esattamente 21 anni.

Una frenesia di azioni ostili per quello che sembra non avere alcuno scopo. Sia “aggressivo con effetti letali” che “un’azione selvaggiamente sproporzionata” sono descrizioni accurate di questo comportamento.

In realtà, l’accusa non è in grado di fornire una spiegazione plausibile per quanto accaduto con Willy. Come si suol dire, una rappresentazione della violenza che è “così onnipresente da poter essere definita senza motivo”.

Nell’atto d’accusa emesso il 12 maggio, i rappresentanti dell’accusa hanno ricostruito le fasi del pestaggio avvenuto. Willy si è cacciato in una difficile situazione trovandosi nella posizione sbagliata nel momento sbagliato. Per dirla in altro modo,

I pm ammettono che “il caso è iniziato con Marco e Gabriele Bianchi, ma successivamente si è unito a quello di Belleggia e Pincarelli ed è diventato un’azione combinata”. Il caso è iniziato con Marco e Gabriele Bianchi. “La frode e il riciclaggio di denaro sarebbero commessi dalla famiglia White”.

Quello che è successo con Willy non è stato un incidente isolato; era qualcosa che poteva aver luogo con chiunque si fosse rivolto a “il branco”. Il modo in cui operano i quattro, in particolare la loro esperienza nelle arti marziali miste (MMA),

Fratelli Bianchi Cosa Hanno Fatto
Fratelli Bianchi Cosa Hanno Fatto

che è una sorta di sport da combattimento in cui i bianchi tendono ad essere altamente competenti, ha giocato un ruolo cruciale nel caso dell’accusa.Il sorriso di Willy, il suo coraggio e l’esempio che ha stabilito vivranno per sempre nei nostri cuori, ma non c’è nulla che lo riporterà alle persone che lo amavano.

La famiglia e gli amici di Willy, così come la sua coraggiosa e forte madre, Lucia, che ha lavorato duramente per assicurarsi che suo figlio ricevesse la giustizia che meritava, meritano un grande abbraccio dal profondo dei nostri cuori.

Quando i giudici della Corte d’assise di Frosinone hanno letto la sentenza, c’è stato un applauso da parte dei presenti all’interno dell’aula. “Questa è una frase che può essere considerata ragionevole”. I fratelli Bianchi, Marco e Gabriele, sono stati condannati ciascuno all’ergastolo, mentre Francesco Belleggia e Mario Pincarelli sono stati condannati a pene separate di 23 e 21 anni di carcere per i loro ruoli nel crimine.

Una strategia che è stata usata come arma per “sbarazzarsi dello sfidante” e “finire il lavoro senza pensare a come i colpi avrebbero influenzato la situazione”.Come descrive la vittimad la durata del pestaggio, durato complessivamente cinquanta secondi, alla vittima sono stati sferrati “ripetuti colpi” per tutto il tempo dell’aggressione.

Nel settembre del 2020, nella città di Colleferro, i fratelli Marco e Gabriele Bianchi sono stati processati per l’omicidio di Willy Monteiro Duarte. Sono stati giudicati colpevoli del crimine e, di conseguenza, sono stati condannati all’ergastolo per i loro crimini.I giudici della Corte d’assise di Frosinone hanno condannato Francesco Belleggia a 23 anni di reclusione e Mario Pincarelli a 21 anni per i ruoli nel delitto.

Contestualmente alla sorella sarà concesso un anticipo in contanti di centocinquantamila euro. La leader dei Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, ha espresso il proprio apprezzamento per la scelta operata. “Bene! Sulla base di ciò che hai detto su Facebook, stiamo incrociando le dita affinché il verdetto sarà confermato in una fase successiva del processo legale.

Francesco Belleggia e Mario Pincarelli, due coimputati nel processo svoltosi a Frosinone per l’omicidio di Willy Monteiro Duarte nel settembre 2020 a Colleferro, vicino Roma, sono stati rispettivamente condannati a 23 e 21 anni di reclusione. Il processo si è svolto per l’omicidio di Willy Monteiro Duarte.

Fratelli Bianchi Cosa Hanno Fatto
Fratelli Bianchi Cosa Hanno Fatto

Anche i fratelli Bianchi sono stati condannati ciascuno a 23 anni di reclusione per i loro ruoli nel crimine. A mio giudizio, l’argomentazione presentata dal pubblico ministero non è corretta. I fratelli Bianchi, una volta scesi dall’auto, non hanno mostrato alcun segno di comportamento ostile verso nessun altro.

Poiché non ha avuto luogo, non ci sono prove a sostegno dell’affermazione che sia stato lanciato un calcio frontale.Nel momento in cui è avvenuto l’incidente, Marco Bianchi ha ammesso i suoi errori e ha dichiarato di essere stato lui a colpirlo accanto a lui. Gabriele non è mai stato in grado di fare impressione su Willy.

Lo ha affermato il legale, Massimiliano Pica, che ha difeso i fratelli Bianchi davanti ai giudici della Corte d’assise di Frosinone nella replica alla censura iniziale. L’uccisione di Willy Monteiro Duarte sarà al centro della decisione che prenderanno questi giudici.

Quando i giudici hanno letto la decisione ad alta voce al pubblico, l’aula è esplosa in un fragoroso applauso. Ciò è avvenuto durante la parte del procedimento in cui è stato annunciato il verdetto. Il padre di Willy, Armando, insieme ai suoi avvocati Vincenzo Galassi e Domenico Marzi, ha offerto il seguente commento alla sentenza:

“Una sentenza impeccabile, in linea con le conclusioni del pm che legge le pagine del tribunale con assoluto rigore e anche un riconoscimento di qualità per quanto riguarda l’iniziale attività investigativa delle forze dell’ordine”, affermano i due avvocati.

“Una sentenza impeccabile, in linea con le conclusioni del pm che legge le pagine del tribunale con assoluto rigore”. “Una sentenza impeccabile, in linea con le conclusioni del pm che ha studiato le pagine del tribunale con il massimo rigore”, ha detto il giudice.

%d bloggers like this: